Consigli per gli sposi

PROMESSE DI LUCE: IL PLATINO

Nobile a prezioso, il platino accompagna con la sua rara purezza il giorno del sì

La fede, l'anello di fidanzamento, ma anche collier e orecchini. La scelta dei gioielli per la sposa è molto importante, perché offrono quel tocco glamour in più, da vera protagonista.
Ma il consiglio è sempre quello di non eccedere. Le creazioni in platino offrono una soluzione ideale, che consente di non rinunciare all'eleganza e di sfoggiare un look estremamente creativo. Le proposte dei designer, infatti, interpretano il metallo duttile ed eterno con grande creatività.

Per quanto riguarda le fedi si va dai modelli più lineari a quelli impreziositi da diamanti: una singola pietra centrale, più pietre laterali o la cosiddetta lavorazione a pavè, che avvolge come un manto luminoso gli anelli. Del resto, l'uso del diamante quando si tratta di promesse di matrimonio (soprattutto nell'anello di fidanzamento) è molto antico, le testimonianze arrivano fin dall'epoca dei Romani che gli attribuivano proprietà sovrannaturali tra le quali (scrive Plinio) quella di tenere lontane malattie e paure. Nel Medioevo, in Italia veniva definito "La Pietra della Riconciliazione" e si pensava che mantenesse la concordia tra moglie e marito.

Il connubio tra diamanti e platino è sempre affascinante: anche nel caso di collier e orecchini, che possono aggiungere raffinati punti luce al décolleté e al viso della sposa.
A questo si aggiunge anche una caratteristica importante del platino, quella di mantenere intatta la sua bellezza e la sua luminosità nel tempo. Un valore decisamente fondamentale, visto che si parla di una promessa...per sempre!

Vogue Sposa N.111 Gen 2010